LO SBIANCAMENTO DENTALE

sbiancamento dentale

Sono varie le metodiche per ottenere un colore leggermente più chiaro dei propri denti, i risultati potranno essere differenti, ma sempre nei limiti di un miglioramento sicuramente visibile ma che potrà far guadagnare al massimo una o due tonalità di colore rispetto a quelle di partenza. Le tonalità di colore vengono misurate mediante scale colori di riferimento, tra le più utilizzate in ambito odontoiatrico si ricorda la scala VITA.
Lo sbiancamento professionale sfrutta l’azione di agenti chimici di diversa natura ed a concentrazioni diverse la cui azione in profondità è potenziata da lampade al plasma. Il più utilizzato è il perossido di carbamide che una volta attivato si scinde in perossido d’idrogeno e urea. Il perossido di idrogeno in percentuali del 35-38 % esposto a fonti luminose si attiva liberando ossigeno. Esso penetra nella struttura del dente innescando una reazione di ossido-riduzione a catena che scompone le molecole che determinano la colorazione in composti incolori e di piccole dimensioni facilmente eliminabili.
L’entità dello sbiancamento è variabile in funzione della percentuale di perossido utilizzata e del tempo in cui il perossido rimane effettivamente a contatto con la superficie dei denti.
Tra gli svantaggi di questa tecnica vi è la sensibilità dentinale che può presentarsi durante e subito dopo aver effettuato lo sbiancamento ma che comunque va incontro a regressione spontanea nel giro di due, tre giorni ed una gengivite da contatto evitabile isolando adeguatamente (diga di gomma liquida) i tessuti mucosi dalla superficie dentale e, comunque, anch’essa facilmente regredibile.
La superficie dei denti prima di essere sbiancata deve essere pulita: va pertanto eliminata tutta la placca e il tartaro con una seduta di igiene professionale.
Il trattamento dura dai 40 ai 60 minuti.
Evitare lo sbiancamento in età inferiore ai 14 anni, nelle donne in gravidanza e in periodo di allettamento.
Dopo aver effettuato il trattamento evitare di fumare, di assumere alimenti e bevande pigmentanti per almeno 24 ore dopo.

 

Translate »