SBIANCAMENTO DOMICILIARE

LO-SBIANCAMENTO-DENTALE-a-casa

Può essere effettuato utilizzando paste dentifricie con azione abrasiva, il cui uso prolungato potrebbe però indurre un’abrasione eccessiva dello smalto dentale con ingiallimento dei denti per esposizione della sottostante dentina.
Più efficace l’utilizzo domiciliare di mascherine sbiancanti individuali in silicone progettate dall’odontoiatra e contenente gel di perossido di carbammide ad azione sbiancante. Vengono tenute in bocca da 30 minuti fino a 3-4 ore: diffidate delle mascherine standard che potrebbero essere lesive sui tessuti molli o determinare una non corretta distribuzione del gel sbiancante sulle superfici dentali con effetto sbiancante non omogeneo.
Le strips, striscette sbiancanti, si trovano facilmente in commercio, utilizzate in genere per 14 giorni e applicate sulla superficie dentale 2 volte al giorno. Richiedono tempi di applicazione prolungati ma, anche se prive di rischi significativi, danno risultati scarsi e poco duraturi.
Esistono infine i rimedi della nonna. Tra i più utilizzati lo sfregamento della buccia di limone sulla superficie dentale: assolutamente da evitare in quanto l’azione sbiancante è associata all’azione abrasiva dell’acido citrico che comporta prima la rimozione delle pigmentazioni superficiali dello smalto e la comparsa di un colore dei denti più bianco ma successivamente l’esposizione della dentina sottostante conferirà al dente un colore più scuro e giallastro e probabile comparsa di ipersensibilità dentinale.

Translate »